Che ora è ?

mercoledì 31 agosto 2016

Presentazione del libro di F.Occhibianco sulla storia del Santuario di San Francesco de Geronimo


Lo scorso 28 agosto, ha avuto luogo presso la chiesa Madre Maria SS.Ma Annunziata. la presentazione del volume di Francesco Occhibianco, riguardante la storia del Santuario del Santo Francesco de Geronimo.


Prof. Rosario QUARANTA
Con la sua monografia storica- ha esordito lo scrittore Rosario Quaranta -   sul Santuario e sui Gesuiti a Grottaglie, Francesco Occhibianco è protagonista questa sera di una manifestazione che certamente rimarrà impressa nel nostro animo in quanto contribuirà a conoscere meglio non solo la figura del nostro Santo,

domenica 28 agosto 2016

Cultura e turismo: due facce della medesima medaglia, a Grottaglie come nel mondo.



Saper coniugare i principi dell'accoglienza, l'esperienza e le ricchezze di un territorio vuol dire offrire al turista non una semplice vacanza mordi e fuggi,come oggi accade ma un ricordo emotivamente gratificante e soddisfacente.
I territori, le regioni, le province e i comuni, sono spazi in cui si trovano molteplici risorse che però spesso non sono organizzate, non sono collegate in un sistema che ne permetta una gestione coordinata. Per esistere, una destinazione turistica deve strutturare le proprie risorse e attrattive, unendole ai servizi e alle offerte, in modo tale da costituire veri "prodotti turistici territoriali" che rispondano alle esigenze del cliente. Il turismo non è un’attività che si può improvvisare ma necessita di una strategia chiara e definita.

lunedì 22 agosto 2016

Michele Ignazio D’Amuri,poeta,religioso,uomo di cultura a Grottaglie


Perche’ quello che ci manca e’ la vera cultura ed essa e’ come la Nutella: quando ve ne e’ poca, la si tenta di spalmare il piu’ possibile.
E senza la cultura, mi piace dirlo,  non si va da nessuna parte perche' per operare bisogna ...sapere e conoscere!

Sono orgoglioso di aver contribuito alla sostanziosa  raccolta delle firme dei "miei" studenti nella mia scuola per l’intitolazione,all’epoca, di una strada (obiettivo poi  realizzato appieno) a questo nobile personaggio di altri tempi.

Nacque a Grottaglie, il 24 luglio 1910, da Giuseppe e da Maria Carmela FALSANISI. Compì l‘obbligo scolastico elementare nella sua citta natale. Il 21 ottobre 1923 entrò nella Scuola Apostolica, ospite del Collegio Argento di Lecce, per frequentare il ginnasio. Il 25 settembre 1925 partì per Napoli ed il 27 fu ammesso nel noviziato della Compagnia di Gesù, vestendo l‘abito religioso il 10 ottobre successivo.

giovedì 11 agosto 2016

La "dolce madre Chiara " a Grottaglie...

L'11 agosto: festeggiamento e ricorrenza della morte(1253) di Santa Chiara.
Il Monastero santa Chiara in Grottaglie fu fondato nell’anno 1591 da. Girolamo Sanarica, il quale ne fece dono alle prime monache che lo occuparono. Queste furono: sr. Angela Igniscia e sr. Dorotea D’Amato, rispettivamente come Abbadessa e come Maestra delle Novizie, venute dal Monastero di Gravina.In seguito alla soppressione dei Conventi del 1860 detto Monastero, grazie a Dio non fu chiuso, ma passò al Demanio; in seguito le Clarisse ottennero dal Ministero del Fondo per il culto, secondo l’art. VI della legge del 7 luglio 1866, di continuare a vivere nel Monastero senza però accettare nuove vocazioni.

lunedì 8 agosto 2016

10 agosto San Lorenzo Martire

Una religiosità antropologica nelle etnie del Mediterraneo a San Lorenzo del Vallo

di Pierfranco e Micol Bruni

I Santi vivono perché oltre alla fede e al carisma penetrano una antropologia che è fatta di un immaginario che tocca le corde dell’identità. 10 agosto San Lorenzo. Ma cosa ha rappresentato questo Santo? Chi è stato. Nel nostro paese dell’anima e della geografia, San Lorenzo del Vallo dove il 10 agosto è festa grande, ha il suo viaggio, il suo senso, il suo modello antropologico.

venerdì 5 agosto 2016

Un tempo si faceva cultura e ora trionfano le sagre

Un tempo si faceva cultura e ora trionfano le sagre e Taranto, Grottaglie, Manduria sono superate da Aliano, Alghero, Ostuni e Cosenza candidate a Capitali della Cultura…
di Pierfranco Bruni
Pierfranco Bruni e Mauro Mazza,
già direttore Rai Uno, 2011 



Le città che fanno cultura devono essere in grado di inventare  anche una idea di culturale sia sul materiale depositato, ovvero vocazioni, sua in una prospettiva vitale in un tempo che consuma e ricicla tutto.

martedì 2 agosto 2016

A TARANTO RILANCIO DELLA CULTURA GRAZIE ALL'AUTONOMIA DEL MUSEO ARCHEOLOGICO


 di PIERFRANCO BRUNI 


La Magna Grecia del Museo nazionale archeologico di Taranto nei circuiti internazionali grazie alla sua autonomia voluta dal ministro Dario Franceschini. Una ripresa con grande respiro culturale. Cultura e territorio per una prospettiva della Magna Grecia. Taranto e il suo patrimonio culturale.

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.