Che ora è ?

lunedì 24 settembre 2012

Sic transeat gloria mundi


Ieri, se fosse stato ancora in vita, avrebbe compiuto 94 anni. Il personaggio a cui mi riferisco vide la luce a Maglie  il 23 settembre  del 1916,  in via San Giuseppe alle nove e zero minuti. Il padre Renato Moro e la madre Fida Stinchi  imposero al bimbo il nome di  Aldo Romeo Luigi. Sì, proprio lui, "semplicemente" Aldo Moro, il grande statista italiano per cinque voltePresidente del Consiglio dei Ministri .
 Sono stato indeciso, visto che l'evento è passato quasi inosservato, circa il titolo da dare a questo mio ricordo e sono stato combattuto tra due locuzioni: quella celebre latina "sic transit gloria mundi" e quella meno fedele "sic transeat gloria mundi". Ho propeso per la seconda, perchè a mio modesto avviso, l'esistenza di questo grande statista è stata tutta indirizzata alla ricerca del dare un senso alla propria vita.  Aldo Moro ha scritto tanto nella sua vita, ma ci sono dei suoi "scritti invisibili", che sono quelli scaturiti dalle sue azioni indirizzate all'altro, al nostro prossimo e al diverso da noi,  che sono sicuramente di eguale importanza, se non anche maggiore, dei tanti suoi scritti che occupano oggi le nostre biblioteche. Vi voglio portare ad esempio due scritti. Il primo è di Aldo Moro tratto da un discorso pronunciato a Milano il 3 Ottobre 1959.


"....Per questo scopo lo Stato democratico impegna le sue leggi di giustizia e la sua azione coordinatrice, propulsiva ed attiva; struttura la propria organizzazione e la impegna a colmare le ingiustizie, a superare i dislivelli, a generalizzare le possibilità di azione e di espansione, a creare le condizioni perchè ogni uomo sia presente e conquisti la sua parte di beni secondo giustizia. E' opera di leggi e di struttura sociale: è coordinamento efficace rivolto a fare in modo che nessuno resti estraneo alla ricchezza della vita sociale. Ciò richiede una visione di giustizia, una tensione ideale che superi la forza dell'abitudine e la resistenza del privilegio.......... Una visione, dunque, di giustizia; una limpida ed intransigente valutazione che, senza in nulla indulgere a un egualitarismo astratto e demagogico, chiarisca le reali esigenze del progresso democratico."

Qui si intravede il suo pensiero circa lo Stato che deve essere equo ed inserito in una società solidale.
Il secondo scritto invece deriva dal suo "martirio" durato 55 giorni, inziato con il suo rapimento ed il massacro, con 91 colpi di arma da fuoco, della sua scorta in Via Fani, e conclusosi con il ritrovamento il 9 maggio del 1978 del suo corpo senza vita in via Caetani.

Lo scritto è la preghiera, scritta personalmente da Papa Paolo VI e che venne recitata dal Papa in persona, all'Omelia della messa celebrata nella grande Basilica di San Giovanni in Laterano il 13 maggio del 1978.
"Ed ora le nostre labbra, chiuse come da un enorme ostacolo, simile alla grossa pietra rotolata all'ingresso del sepolcro di Cristo, vogliono aprirsi per esprimere il "De Profundis", il grido cioè ed il pianto dell'ineffabile dolore con cui la tragedia presente soffoca la nostra voce... E tu intanto, o Signore, fa che placato dalla virtù della Tua Croce, il nostro cuore sappia perdonare l'oltraggio ingiusto e mortale, inflitto a questo uomo carissimo e a quelli che hanno subito la medesima sorte crudele; fa che noi tutti raccogliamo, nel puro sudario della sua nobile coscienza, del suo esempio umano e cordiale, della sua dedizione alla redenzione civile e spirituale della diletta nazione italiana!
                                                                      Signore ascoltaci."

Questo certamente è l'avvenimento che più ha segnato la storia del nostro Paese dopo il 1945 e che  ci ha fatto ritrovare dopo, un pò tutti cambiati.
Aldo Moro è entrato a far parte violentemente della nostra storia mostrandoci con le sue opere, oltre che con le sue parole, la sua personalità marcante,  sempre in cerca di intuizioni e di vie nuove  per costruire il futuro non  limitandosi mai a gestire l'esistente.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.